La SEO (Search Engine Optimization) si è molto trasformata in questi anni. Scopriamo come…

Se sei atterrato su questa pagina, sicuramente ti sarai chiesto cos’è il content Seo e quali sono le tecniche più incisive per ottenere una maggiore visibilità su Google. Se abbiamo indovinato, siamo pronti a partire da quelli che – a nostro avviso – sono i due modi per fare SEO e posizionarsi al meglio sul noto motore di ricerca.

Esistono, infatti:

  1. SEO tecnica (o tradizionale): basata sull’ottimizzazione di tutti i parametri della (supposta) “formula” di Google. Keyword, metatag, link popularity, link interni, ecc.
  2. (e la) Content SEO: un nuovo mix di tecniche basate (azzardiamo, all’80%) sui contenuti (content marketing) e in minima parte sul SEO tecnico.

Sì, ma che cosa cercano gli utenti?

Sul celebre motore di ricerca, le persone cercano sempre più “risposte” ai propri quesiti quotidiani.

“Qual è il ristorante più vicino?”;

“Cos’è il content SEO?”;

Come scrivere un articolo ottimizzato per Google;

E così via. Per ottenere una maggiore visibilità, dunque, è necessario offrire delle risposte agli utenti: una pratica che chiamiamo (simpaticamente) “aranzullismo” – dall’ormai noto Salvatore Aranzulla.

Risposte efficaci, esaustive = visibilità

Google, indipendentemente dalle vecchie logiche della cosiddetta “formula di indicizzazione”, privilegia i contenuti che gli utenti ritengono più efficaci.

Di conseguenza, per essere visibile, un’azienda deve pubblicare contenuti pertinenti, cioè informazioni, sul proprio business; non pubblicare sterili brochure (anni ’90).

Se questi contenuti sono efficaci e di qualità, più utenti in cerca di risposte ti premieranno (e di conseguenza anche Google).

La via di mezzo…

L’attività che abbiamo descritto fino a qui è una via di mezzo tra il content marketing e la SEO. Possiamo chiamarla Content SEO, nel senso di quella possibilità di scrivere contenuti che rispettino tutte le regole ( e i codicilli) per un’indicizzazione efficace.

Per essere davvero efficaci (e coerenti) abbiamo brevettato e realizzato una Content Machine , disponibile all’interno della Suite di White Rabbit.

La nostra Content Machine consente di:

  1. Scrivere un Piano Editoriale di keyword e frasi che rappresentano le “parole chiave da conquistare”;
  2. Trovare nuove Parole Chiave collegate al nostro piano originario e perfezionare le attività;
  3. Trovare Contenuti e aggiornamenti, anche in altre lingue, “settati” “frasi chiave” per avere sempre nuovi spunti, e bozze. E poi rimanere aggiornato sul proprio Brand, sui tuoi prodotti, e sui temi preferiti;
  4. Scrivere e Pubblicare un articolo a partire da uno o più spunti (sempre da citare!);
  5. Revisionarlo in ottica SEO: ossia verificare che un articolo sia completo di tutte le informazioni valide ai fini dell’indicizzazione;
  6. Pubblicarlo in automatico su Blog (WordPress o altri) e sui Social (Facebook, LinkedIn, Instagram, Twitter…);
  7. Verificare un Piano Editoriale tra articoli da fare, pubblicati, ecc…
  8. Programmare i prossimi articoli da realizzare;
  9. Monitorare l’andamento delle attività di pubblicazione on line.

Tutto questo rivoluziona il quello che abbiamo chiamato Content SEO perché rende possibile a tanti di rimanere aggiornati sulle novità, fare brand monitoring, pubblicare in modo più facile e veloce le proprie news, pubblicare in modo coordinato tra blog e social e rispettare l’andamento di un piano di pubblicazione.

Provala subito! Chiedi di più qui in basso!

Chiedi una Demo Gratuita