Una giornata in compagnia di tante aziende che si occupano di digital trasformation: tra approcci Data driven, CRM, Marketing automation e molto altro…

L’idea è quella di favorire lo sviluppo della cultura imprenditoriale e dell’innovazione aperta attraverso la contaminazione tra il mondo delle startup e le imprese più curiose, capaci di puntare sull’innovazione, intesa come fattore critico di successo. Si può riassumere in questi termini la mission dell’Osservatorio Startup Intelligence, come anche lo spirito della presenza di White Rabbit al Politecnico di Milano. L’incontro, tenutosi nella Sala Consiglio del DIG (dipartimento di ingegneria gestionale) – intitolato CRM, Data Collection, Insight e Marketing Automation – è stato occasione di confronto tra alcune delle più importanti realtà innovative nel settore della Digital Transformation e le aziende pronte ad aggiornarsi e pronte a investire nel campo dell’eBusiness.

Risultati e trend della Ricerca

Dopo l’apertura dei lavori, inaugurati da Alessandra Luksch (direttore dell’Osservatorio) e Stefano Mainetti (CEO di PoliHub e responsabile scientifico del progetto), sono stati presentati i risultati della Ricerca e i trend di innovazione, prima di dare la parola alla discussione plenaria e ai pitch delle startup.

Marta Valsecchi e Sara Zagaria – rispettivamente direttrice e ricercatrice dell’Osservatorio Omnichannel Customer Experience del Politecnico – hanno presentato lo stato dell’arte del mondo delle startup su un piano internazionale, tracciando anche le linee guida teoriche da attuare per affrontare i profondi mutamenti del comportamento dei consumatori e della comunicazione d’impresa.

Dall’analisi condotta sono emerse circa 530 startup (finanziate da investitori, formali e informali), che si occupano di omnichannel customer experience. Gran parte di esse offrono servizi e tecnologie che coprono tutte le fasi del processo implementativo che un’impresa deve realizzare per garantire un’esperienza omnicanale ai propri clienti.

L’algoritmo di White Rabbit al Politecnico

Il nostro speech al Politecnico è stato curato da Guido Panigada e Fabrizio Barbarossa, rispettivamente Sales Manager e CEO e founder di White Rabbit. Si sono così mostrati i vantaggi di una Suite che punta all’integrazione tra tutti i media con la tecnologia di una Customer Data Platform innovativa. Partendo da un approccio data-driven, White Rabbit parte da quelli che possono essere definiti dei customer / big data, ovvero un insieme di informazioni legate alle azioni che un utente compie all’interno di un sito o di un social network. Il principio-guida dell’algoritmo genetico utilizzato per lo sviluppo di questo software, mira, quindi, alla possibilità di prevedere e, di conseguenza, suggerire, quale degli utenti che visitano un portale può diventare effettivamente un nuovo cliente.

Per ulteriori info richiedi una demo qui!

Le altre startup presenti

All’evento CRM, Data Collection, Insight e Marketing Automation organizzato dall’Osservatorio Startup Intelligence hanno partecipato anche Gian Mario Infelici (Adabra), Luca Manara (AppQuality), Gianluca Perrelli (Buzzoole), Claudia Tomasi (Cynny), Davide Feltoni Gurini (Datalytics) Emanuele Seghetti (Instilla), Marco Giannotti (Moxoff), Stefano Tonella (Roialty), Mirko Lalli (Travel Appeal).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *